ArsKey Magazine | Articolo


ANTONIO NUNZIANTE - PENSER L’IMAGE ET PEINDRE LA PENSÉE / PENSARE L’IMMAGINE E DIPINGERE IL PENSIERO
Autore:
Data: 08.05.2017

vai alla pagina

Gli artisti correlati: Antonio Nunziante




1.6 / 15.8.2017 - XPO CENTER BRUGES


Nel 2017 e nel 2018 numerosi musei e luoghi culturali in tutto il Belgio renderanno omaggio al talento del pittore Antonio Nunziante. A partire dal 1 giugno, la mostra itinerante intitolata Antonio NUNZIANTE, Penser l'Image et Peindre la Pensée / Pensare l’Immagine e Dipingere il Pensiero sarà presentata nella collezione permanente di Pablo Picasso all’XPO CENTER di Bruges, al Castello di Waroux vicino a Liegi, al Palazzo Reale di Arlon e poi a Bruxelles e a Knokke.

La mostra esplorerà il lavoro di questo importante artista della pittura metafisica e la sua ammirazione per i maestri antichi e moderni. Le opere selezionate saranno esposte accanto ai lavori di René Magritte, Paul Delvaux, Salvador Dalì e Chagall. Il pubblico scoprirà che l’Artista ha trovato la perfezione nella bellezza, in ciò che è equilibrio, in un linguaggio che sottolinea le esperienze, i ricordi, le speranze, le emozioni, le forme elementari, universali e senza tempo.

Un’estrema raffinatezza che ricorda altre culture. Questa alchimia di forme sembra rivolta ad una nuova nascita, più spirituale, da cui emana un senso di immobilità. Lo spirito contenuto nelle sue composizioni sembra aprirsi alla coscienza del mondo. La maggior qualità di Antonio Nunziante è senza dubbio da ricercare nella straordinaria padronanza tecnica, nella capacità di approfondire i percorsi artistici dei suoi maestri e di spingersi oltre i loro confini.

Il lavoro di Antonio Nunziante trova il suo apice nell'inconscio. Il suo approccio all'immagine è il risultato di un’intensa riflessione, una fusione di immagini e pensieri che si articola nel visibile e nell’invisibile, che mette in evidenza la forza poetica sia del linguaggio che delle immagini. Antonio Nunziante usa la sua libertà artistica per esplorare il regno della "non-relazione" tra visibile e leggibile, tra il vedere e il leggere.

Tratto da un testo di Jean-Christophe Hubert








© ArsValue srl - P.I. 01252700057