ArsKey Magazine | Articolo


V.S. Gaitonde - Pittura come processo, pittura come vita
Autore:
Data: 14.10.2015

vai alla pagina

Vai alla sede: Peggy Guggenheim Collection

Gli artisti correlati: Vasudeo Santu Gaitonde


Fino al 10 gennaio 2016 la Collezione Peggy Guggenheim dedica la prima retrospettiva mai realizzata al mondo a Vasudeo Santu Gaitonde (1924 - 2001), il più grande pittore modernista d’India del XX secolo, colorista eccezionale che nel corso della sua vita ha creato tele ispirate da un cosmopolitismo internazionale.

“Ricostruire la storia di questo incredibile artista è stato come seguire uno scavo archeologico”, afferma Sandhini Poddar, curatrice della mostra, “pochissime persone hanno avuto il privilegio in vita di conoscere Gaitonde, uomo di estrema cultura e integrità di spirito, seguace del buddismo Zen, grande conoscitore di filosofia e poesia vernacolare indiana, così come del cinema internazionale e dell’arte occidentale. Era un uomo schivo”, prosegue la curatrice, con l’enfasi di chi ha dedicato anni a ripercorrere la vita e l’opera di questo artista, “Gaitonde amava il silenzio, non credeva nella comunicazione, ma credeva fermamente di poter comunicare il silenzio attraverso la sue opere, come fossero dei ‘container del silenzio”. Oggi, attraverso questa mostra, desidero possa emergere quell’essenzialità che sempre contraddistinse la sua vita, la sua carriera, le sue creazioni”. Non è un caso che il museo Solomon R. Guggenheim di New York prima e la Collezione Peggy Guggenheim oggi dedichino i propri spazi a questa esposizione: forti sono le affinità tra la filosofia di vita di Gaitonde e quella di Vasily Kandinsky, padre dell’astrazione, su cui si basa l’origine stessa del Guggenheim di New York quale Museo della Pittura Non Oggettiva. Entrambi amavano la filosofia, la musica, il colore, testimonianza questa di quel processo di osmosi che negli anni ’20 del Novecento porta filosofia e induismo a intrecciarsi, superando i confini geografici tra oriente e occidente. 
 
“Siamo felici di ospitare una mostra grazie alla quale la Collezione Peggy Guggenheim si apre a una cultura visiva che va oltre i confini dell’asse Europeo-Americano”, sostiene Philip Rylands, direttore della Collezione Peggy Guggenheim “e Venezia, da sempre incrocio tra Oriente e Occidente, sembra il luogo più appropriato per commemorare non solo la sua storica apertura al resto del mondo, ma anche l’odierno abbraccio critico e la conoscenza dell’arte non occidentale che sono alla base di questa straordinaria retrospettiva”.

Con oltre 40 dipinti e opere su carta provenienti dalle più importanti istituzioni pubbliche e collezioni private tra Asia, Europa e Stati Uniti, la mostra ripercorre una carriera artistica che non ha pari nella storia dell’arte moderna del Sud-Est asiatico, offrendo un’opportunità senza precedenti di esplorare l’arte moderna indiana che caratterizzò i centri metropolitani di Bombay (oggi Mumbai) e New Delhi dalla seconda metà degli anni ’40 alla fine del XX secolo.


 





© ArsValue srl - P.I. 01252700057