ArsKey Magazine | Articolo


Tessiture contemporanee tra memoria e innovazione
Data: 04.07.2015

vai alla pagina
La Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte con sede a San Giovanni La Punta (CT), per celebrare il settimo anno della propria attività volta alla promozione della cultura e dei diversi linguaggi artistici, ospita il progetto espositivo significativamente intitolato “Tessiture contemporanee”.

alberto_gianfreda_dove_cade_lorizzonte_2015_tessuti_lampasso_e_legno_dimensioni_variabili_particolare_400
ALBERTO GIANFREDA, Dove cade l'orizzonte, 2015, tessuti lampasso e legno, dimensioni variabili, (Particolare)

Protagoniste della mostra - a cura di Ilaria Bignotti, ideatrice e fondatrice insieme a Francesco Arecco del “Movimento di Arte e Cultura Resilienza italiana” - sono le opere di Paola Anziché, Alberto Gianfreda, Francesca Pasquali e Laura Renna. I loro lavori si inseriscono negli spazi della Fondazione, fortemente voluta dall’artista Elena La Verde scomparsa nel 2012, proponendo per tale peculiare contesto una lettura dal taglio antropologico e sociale. La mostra si confronta con la vocazione stessa della Fondazione, in equilibrio tra memoria e innovazione, e il risultato di tale incontro è un dialogo, particolarmente suggestivo, animato e attraversato da una continua ma equilibrata tensione.

laura_renna_strascico_2014_lane_di_ottone_rame_e_acciaio_inossidabile_cm_230x170x20_particolare_3_400
LAURA RENNA, Strascico, 2014, Lane di ottone, rame e acciaio inossidabile, cm 230x170x20, (Particolare_3)

Attraverso linguaggi diversi come la cucitura, l’intreccio, la scultura e la filatura, le opere in mostra sviluppano una ricerca capace di relazionarsi con l’altro, da intendersi come “spazio, tempo, uomo” ma anche di interrogarsi sui “grandi parametri della natura, della storia, della cultura”. Materiali tessili di diversa natura e scarti industriali vengono così reinterpretati in chiave processuale divenendo installazioni in cui l’esperienza è protagonista. “Senza gridare ad alta voce, Anziché, Pasquali, Renna, Gianfreda, - scrive la curatrice Ilaria Bignotti nel testo critico “Tessere l’esperienza” - sono artisti del proprio tempo, tessendo e ritessendo i materiali che hanno scelto per la loro ricerca, convinti che la vita quotidiana non è un magma scomposto e incomprensibile, ma rivela una trama di relazioni, un processo in continua trasformazione dove l’esperienza ha un ruolo centrale nel costruire e nel rielaborare tutte le forme della rappresentazione, da quelle individuali a quelle collettive”.

paola_anziche769_tapis_origami2009_tessuto_scultura_250_cm_diametro_e_dimensioni_variabili_particolare_400
PAOLA ANZICHE', Tapis Origami, 2009, tessuto scultura, 250 cm diametro e dimensioni variabili, (Particolare)


In copertina: FRANCESCA PASQUALI, Plastic plot, 2015, trucioli di pvc e teflon intrecciati, cm 190x400x30





© ArsValue srl - P.I. 01252700057